Elizabeth Moutzan-Martinegkou

Biblioteca

Elizabeth Moutzan-Martinegkou

Autore: Elizabeth Moutzan-Martinegou

Data di nascita: 1801, Zakynthos Island

Genere: Femminile

Biografia: la scrittrice Zakynthian Elizabeth Moutzan-Martinegou è il primo esempio straordinario di scrittura femminile nella letteratura greca moderna. Martinegou nacque nel mese di ottobre 1801 e morì nel novembre 1832. I suoi genitori, Fragkiskos Moutzan e Angeliki Sigouros, provenivano da due delle più antiche famiglie aristocratiche di Zante.

Moutzan aveva interesse per l’apprendimento e la scrittura, e anche se la sua educazione era limitata, con lo studio personale ha acquisito conoscenza di greco antico, italiano e francese. Allo stesso tempo, è stata coinvolta nella stesura di poesie, opere teatrali in greco e in italiano e traduzioni dall’antica letteratura greca. Il suo desiderio non era quello di sposarsi, ma di dedicarsi allo studio e alla scrittura. A causa delle obiezioni della sua famiglia, suggerì di essere rinchiusa in un monastero o di ritirarsi in una casa di famiglia in campagna. Tuttavia, i suoi desideri non sono stati accettati dalla sua famiglia. Di fronte alla prospettiva di rimanere non sposati e rinchiusi nella casa di suo padre, decise di lasciare l’isola segretamente, ma dopo un fallito tentativo tornò a casa sua senza che un membro della famiglia notò la sua assenza. Alla fine dovette ritirarsi e accettare il desiderio della sua famiglia di sposarsi. C’era un marito candidato, Nicholaos Martinegos, che ritardò la formalizzazione dell’accordo di matrimonio con trattative costanti sull’apice della dote. Alla fine, il matrimonio ha avuto luogo dopo 16 mesi nell’estate del 1831. Elisabeth Moutzan-Martinegou morì il 9 novembre 1832, due settimane dopo la nascita del figlio a causa di complicazioni nel parto.

Di ergographia

La sua opera più famosa è autobiografia (la mia storia). Oltre all’autobiografia, Martinegou scrisse più di 15 rappresentazioni teatrali in greco e italiano, tradotti testi antichi e poesie composte. Dalle sue altre opere, poco è stato salvato, una commedia intitolata Philargyros, alcuni testi italiani, 20 lettere, la prefazione di un trattato sull’economia, poesie “Ode alla passione di Gesù Cristo”, e “a Theotokon”, e gli estratti di Prometheus Bound, l’Odissea e la Di iketides. Sfortunatamente, non ha visto nessuna delle sue opere pubblicate. Molti anni dopo la sua morte, quasi mezzo secolo, suo figlio pubblicò la sua autobiografia con diversi tagli.

Letteratura selezionata

C:UsersClioDesktopCyclops, PolysemiPolysemiIonian Letteraturemartinegkouphotos MartinegkouMy Story. jpg

Il testo di Moutzan acquisisce un particolare interesse per la raffigurazione di alcuni aspetti dell’organizzazione sociale del tempo che è stato scritto perché il suo autore è in una posizione privilegiata, poiché una parte appartiene all’ordine stabilito, ma all’altra parte-a causa della sua sesso-è sul bordo di questa c[…]lasse in questo modo, il suo testo come descrizione dell’oppressione sociale delle donne, che è preziosa per la storia di questo problema, che ha giocato un ruolo decisivo nella storia culturale e politica dell’uomo, appartiene alla storia del greco FEM pensiero, rappresentando un liberale la sua versione. Questo femminismo liberale proveniva da quella facoltà di pensiero politico che chiamiamo “liberalismo”, che mantiene una comprensione della natura umana che pone la nostra unicità come individui nella nostra ragionevole capacità.

Vangelis Athanasopoulos, “Introduzione”. Elizabeth Moutzan Martinego, autobiografia, introduttiva. Vangelis Athanasopoulos, Oceanida, Atene 1997, 49-50.

Πάλαιψε μονάχη, του Κ. Πορφύρη *

“Ho sempre sentito qualcosa come un obbligo nei confronti di questa donna dimenticata, per ricordarle il pubblico greco. Mi ha dato l’impressione di un uomo che voleva parlare e la sua bocca Peneva. Finché visse, desiderava vedere quello che scrisse. Ma morì all’età di 31 anni, non vedendo il suo sogno che si avverava. E i suoi manoscritti sono stati catturati dopo la sua morte di 50 anni. Nel 1881, suo figlio, il poeta Elisabeth Martinegos, pubblicò solo la sua autobiografia. Ma lei troppo strappata. È stata una stagione che nessuno ha notato. Ed Elisabetta ricadde nell’oblio. Sono passati altri 66 anni. Nel 1947, lo studioso Zakynthian dicos Konomos scrisse nella sua rivista “Ephthansian leaves” come ha trovato la sua scrittura e ha dato la promessa “a Dio e alla memoria di Elisabetta” come ha detto, per pubblicarli. Ma i terremoti vennero, e il fuoco di 1953 e Zante divenne cenere. I manoscritti di Martinegou erano anche ceneri, circa 30 pezzi, che fu conservato da Konomos a casa sua… Ho deciso di prendere in prestito i soldi di cui avevo bisogno e di pubblicare me stesso questo libro. Non voglio trarre profitto… “.

* Estratto dalla sua introduzione all’edizione di “autobiografia” ha curato in 1956 (edizioni Digenis).