Di Andrea Kalvo

Biblioteca

Di Andrea Kalvo

Autore: Kalvos, Andreas Kalvos

Data di nascita: Aprile 1792, Zante

Sesso: Maschio

Biografia: Andreas Kalvos è nato a Zante, il primo figlio del medico di Corfù Ioannis Calvos e la nobildonna di Zante Adrian Roukani. Dopo la rottura dei suoi genitori, suo padre partì per l’Italia e il poeta partì nel 1802 con suo fratello minore Nicolas per vivere con lui. Kalvos da studente è stato il primo a Zante e ha continuato i suoi studi nella comunità greca a Livorno e Firenze, dove è diventato amico di Andreas Louriotis (1808). Lì scrisse in italiano il Cantico di Napoleone (1811). Nel 1812 conobbe a Firenze Ugo Foscolo, che lo assunse come copista e tutore di Stefanos Vultsos, suo protetto. A ciò ha fatto seguito la sua co-residenza con Foscolo e un breve soggiorno dei due amici in Svizzera. Seguì una rottura nel suo rapporto con Foscolo e nel 1819 il suo matrimonio con l’inglese Maria Teresa Josephine Thomas, che morì lo stesso anno. Dopo la morte di sua moglie, si affezionò alla sua vecchia compagna di classe Susan F. Ridout, una relazione che non prosperò. Nell’autunno del 1820, dopo un breve soggiorno a Parigi, tornò a Firenze e si unì al movimento Carbonari. Lo stesso anno fu arrestato dalla polizia e deportato a Ginevra. Rimase a Ginevra dal 1821 fino al 1824 e scrisse le prime dieci Odes, che stampò nel 1824 con il titolo Lyra. Nel 1825 viaggiò a Parigi, dove entrò nei circoli filhellenici e fu associato a studiosi greci. Vi fu la pubblicazione della nuova serie di Odes nel 1826, con una traduzione francese degli amici del poeta e filosofo Panthier de Censay, insieme al testo di Athanasios Christopoulos. Dopo aver emesso le odi, decide di tornare in Grecia. Al suo ritorno, prima di raggiungere Nafplio, si recò a Milos e Hydra, dove scrisse corrispondenze alla rivista francese “Revue Encyclopédique”, in cui desiderava presentare agli europei un quadro della Grecia rivoluzionaria. A Nafplio è frustrato dalle spaccature della rivoluzione e si reca a Corfù nell’agosto del 1826. Qui si è guadagnato una reputazione come intellettuale e studioso, e l’Accademia Ionica gli ha conferito il “dottorato in Filosofia” e la corona di alloro, onori aveva offerto solo a importanti studiosi dell’epoca. In generale, abbiamo informazioni confuse sull’insegnamento di Kalvos a Corfù. Sembra, tuttavia, che dal 1840 insegna all’università di filosofia e al liceo italiano Filologia. Il 24 gennaio 1841, Kalvos succedette a Francesco Orioli nella sua qualità di preside del liceo ionico. All’età di 60 anni si reca a Louth, nel Linconshire, sposa la sua seconda moglie (1853), insegnante, e apre una scuola per ragazze dell’istruzione superiore, dove insegna matematica e lingue straniere. Nel novembre 1869 muore e viene sepolto nel cimitero di Keddington.

Rimozione ossea di Andrea Kalvo dall’Inghilterra a Zante.

Il problema della rimozione dell’osso di Kalvo dall’Inghilterra sorse per la prima volta alla Prima Conferenza del Panionion del 1938 a Itaca. La Conferenza incaricò quindi il Presidente della Società delle Isole Ioniche K. Soldatos di indagare sulla scoperta della tomba di Kalvos. Fu trovata la tomba e fu istituito un grande comitato per spostare le ossa per la celebrazione dei settant’anni dalla sua morte. Ma la guerra ha fermato questo sforzo. Nel 1952 il sindaco di Zante Nikolaos Filiotis sollevò il problema con una lettera che mandò al figlio dell’ex console a Zante Robertos Szent. Nel marzo del 1959, in occasione del 90 ° anniversario della morte di Kalvos, l’Associazione degli studenti delle Isole Ionie sollevò la questione con il Ministero della Pubblica Istruzione. Poco dopo, su iniziativa dell’Associazione di <em> Solomos ed Eminent Zakynthians </em>, si è tenuto un ampio incontro di fattori sociali e spirituali con l’obiettivo di istituire un comitato di celebrazione in occasione della rimozione dell’osso. Per quanto possibile, fu deciso che il comitato di Zante sarebbe stato circondato da trentacinque eminenti personaggi intellettuali e sociali di Zante residenti ad Atene. Un ruolo importante nel successo di questo sforzo è stato svolto anche dal nostro poeta Nobel, Giorgos Seferis, che all’epoca era ambasciatore della Grecia a Londra. Così, dopo azioni coordinate il 19 marzo 1960, le ossa del poeta e delle sue mogli arrivarono in Grecia e il 5 giugno, con la nave da guerra “Hadjikostantis”, raggiunsero Zante, dove riposano nel Mausoleo del “Museo” di Salomone ed eminente popolo di Zante “accanto alle ossa del nostro poeta nazionale, Dionysios Solomos.



Letteratura selezionata


Cronologia di Andreas Kalvos

1792

Nascita a Zante.

1802

A Livorno con suo padre e suo fratello.

1811

«Canzone a Napoleone».

1812

Alloggio a Firenze. Incontra Ugo Foscolo a Firenze.

1813

Stesura della tragedia Teramene .

1814

Ode agli Ionii (g), Le Danaidi (g), una poesia di G. Meli dal dialetto siciliano in italiano.

1815

Morte di sua madre a Zante.

1816

Lascia Firenze ed e stato con Ugo Foscolo a Zurigo e in settembre a Londra.

1817

Una rottura nel suo rapporto con Ugo Foscolo.

1818

Le Danaidi, La tragedia di Andrea Calbo (a cura di Londra). Incontra Bartolomeo De Sanctis, fondatore de L’Ape Italiana a Londra (1819, 13 numeri con Κalvos). Conferenza presso Argyll Rooms sul greco antico e moderno.

1819

“Elpis Patridos” (edizione di Londra). Osservazioni su un brano della storia ecclesiastica di Eusebio, con traduzioni in greco moderno e italiano (comunicato da M. Calbo al Rev. F. Nolan) (1818;).
E sposato con Maria Th. J Thomas. Lezioni frontali alle Argyll Rooms. Morte di sua moglie. Corrispondenza con Guilford.

1820

Libro di preghiere pubbliche della Chiesa anglicana (Salmi di David). Lezioni di italiano. Rientro in Italia

1821

Ad aprile lascia finalmente l’Italia perseguitata dalle autorita con l’accusa di partecipare al movimento del carbonio. E a Ginevra a maggio.

1822

Tiene corsi di lingua italiana e greca. E associato al movimento filhellenico.

1823

Partecipazione alle attivita del movimento filhellenico a Ginevra per la cura dei rifugiati greci.

1824

Lyra (Ginevra). Traduzione francese delle poesie di Lyra in testo di Stanislas Julien a Parigi.Λύρα (Γενεύη).

1825

Installazione a Parigi.

1826

The Lyric e uscito a Parigi con una traduzione francese di Guillaume Pauthier (de Censay). Lo stesso volume include il testo di Christopoulos. Lettera al generale Lafayette. Partenza in estate per la Grecia. Arrivo a Nauplia. Finalmente si stabili a Corfu.

1827

E annunciato Dr of Philosophy dell’Accademia Ionica e insegna corsi di filologia generale. Si dimette nel novembre dello stesso anno e inizia a tenere lezioni private. La traduzione di Recherches sur la nature du Calcul Differentiel (= Ricerca sulla natura del calcolo differenziale di quarantena) del suo collega dell’Accademia Ionica, I. Karantinos (Corfu).

1836

Secondo periodo di insegnamento all’Accademia Ionica.

1837

Dimissioni dall’Accademia Ionica a novembre.

1840

Terzo periodo di insegnamento all’Accademia Ionica (-1841).

1841

Direttore per circa un anno al ginnasio di Corfu.

1846

Pubblicazione di un estratto di Inno alle Grazie di Foscolo con una nota introduttiva.

1849

Rilascio del giornale Patris (-1852) a Corfu. Tra gli autori c’e Andreas Kalvos.

1852

Parte definitivamente per l’Inghilterra.

1853

Matrimonio con Charlotte Augusta Wadams.

1857

Si trasferisce da Stratford a Londra.

1864

Il volume di Ode Kalvos di Zante e pubblicato ad Atene (ristampato nell’edizione parigina del 1826).

1865

Si trova a Louth, nel Lincolnshire. Lavora come insegnante nella scuola per ragazze, gestita da sua moglie.

1869

Il 3 novembre, e la morte del poeta e la sua sepoltura a Louth.