Di Angelos Sikelianos

Biblioteca

Di Angelos Sikelianos

Autore: Sikelianos, Angelos Sikelianos

Data di nascita: 15 marzo 1884, Lefkada, Isole Ioniche

Sesso: Maschio

Biografia: Angelos Sikelianos è nata il 15 marzo 1884 a Lefkada. Fu l’ultimo dei cinque figli di Ioannis Sikelianos, professore di italiano e francese presso la scuola superiore locale, e di Haricleia Sikelianou, una donna coltivata e fatta dall’uomo.

Nel 1900 è venuto ad Atene per studiare legalmente, ma ha lasciato presto per dedicarsi con tutto il cuore alla creazione poetica, dopo un piccolo passaggio alla targa teatrale come attore. Nel mese di agosto 1906 incontrerà il ricco americano Eva Palmer (1874-1952), che si sposerà l’anno successivo.

Nel 1907 viaggiò in Egitto, dove lavorò il fratello maggiore, e in un’escursione al deserto libico scriverà la composizione del poema “Alafroiskikotos”, la cui circolazione nel 1909 sarà un evento editoriale. Il suo primo lavoro è un vero inno alla natura greca, scritto con una forza sorprendente e testi originali duri.

Durante le guerre balcaniche (1912-1913), in cui prese parte, scrisse poesie patriottiche, pubblicate su giornali, riviste e nella poetica collezione “lyrics” (1921). Ha anche scritto e pubblicato dal 1915 al 1918 il “prefazione alla vita”, estratti dalla “Pasqua dei greci”, la “parola Delfico” e gli studi. Insieme al marito americano, il siciliano catturò il piano per la resurrezione dell’Amphictyonia Delfico. Hanno organizzato in 1927 e 1930 a proprie spese le “feste Delfici”, con spettacoli di antiche tragedie, con combattimenti e mostre popolari.

L’ispirazione poetica del siciliano in questo periodo e diversi anni dopo trae i suoi sudditi dall’antico mondo greco, dalla mitologia e dal misticismo (Orfismo, ecc.), dalla religione e dalla storia. Tali sono le sue tragedie: “Dithyrambos of Rhodes” (1933) e “Daedalus in Creta”, così come molte poesie.

La creazione poetica del siciliano è di particolare valore, dal momento che i primi segni della seconda guerra mondiale cominciarono ad apparire all’orizzonte. Poi la sua poesia assunse contenuti sociali, attraverso le tragedie “The Sibyla” (1940), “il Cristo a Roma” (1946), “la morte di Dighenis” (1948) e “l’Asclepio”. Nel marzo del 1938 incontra Anna karamani (1904-2006), moglie del medico George KARAMANIS. La loro conoscenza si evolve in amore profondo, e siciliano chiede Eve al divorzio. È d’accordo, come il dottor KARAMANIS. Il loro matrimonio si svolgerà il 17 giugno 1940.

Durante l’occupazione egli scrisse segretamente e circolò l'”Akritika” (1941-1942), che fu un grido di dolore dell’ellenismo asservimento. Il 28 febbraio 1943, ha annunciato nel suo funerale Kostis Palamas la sua famosa poesia, iniziando con il testo di “chiamare le trombe”, che aveva scritto poche ore prima. Nel 1945 sarà candidato a Kazantzakis per l’Accademia di Atene. Invece, Sotiris skipis sarà eletto.

Nel 1946 sarà nominato per il premio Nobel per la letteratura, così come Kazantzakis, su iniziativa di importanti personalità delle lettere (Paul Eliar, André Zid, Henry Miller, Eugene o ‘ Neal, ecc.). La loro candidatura sarà silurata dal governo Tsaldari, con il pretesto che la sinistra sarebbe stata premiata in Grecia. Nel 1947, il suo lavoro poetico, il suo lavoro poetico sotto il titolo di “vita lirica”, sarà pubblicato in tre volumi.

Deluso siciliano ha ora a che fare con gravi problemi di salute e la povertà. Il 4 giugno 1951 è stato disinfettato dal suo assistente domestico invece che dalla sua medicina, causando gravi ustioni nei suoi organi respiratori. Il 19 giugno 1951 lascerà il suo ultimo respiro alla clinica “Pamamkaristos” ad Atene.

Cronologia di Angelos Sikelianos

1884

Nascita a Lefkada (15 marzo).

1891 a

Istruzione standard a Lefkada (-1900).

1901 a

Partenza per Atene. Iscrizione alla facoltà di giurisprudenza. È incluso, insieme alla sorella Eleni, agli attori del Teatro New Stage di K. Christomanos.

1902 a

Prime poesie a Dioniso (“ballades”) e Panathinaia (“ARS minimi”).

1903 a

Pubblicazione di poesie nella rivista Noumas, Panathinaia, Zoe, The Muse.

1904 a

Pubblicazione di poesie nella rivista Akritas.

1906 a

Familiarizzare con Eva Palmer.

1907 a

Scrittura poesia “Alafroiskiotos” e i rapsode delle Isole Ionie. Matrimonio con Eva Palmer negli Stati Uniti.

1909 a

Lezioni nella stanza della rivista Pan. Alafroiskiotos, pubblicato in un volume insieme ai rapsodi delle Isole Ionie, con una dedica ad Eve (da rimuovere nelle edizioni successive): “in Glafkus, Athena ha la saggezza e gli occhi”. Nascita di suo figlio, Glafkus. “Ode all’addio,” una risposta ai suoi critici.

1910 a

Studio scritto per G. d’Annunzio. Scrivendo “Apollonios Lament” dopo il suicidio di P. Giannopoulos. “Inno Delfico” (rivista di artisti). Morte di suo padre. La coppia Sikelianos Compra una casa a Sykia, a Corinto, che servirà come base per gli anni a venire, ma anche come luogo di ospitalità.

1911 a

Continua i suoi viaggi mentre per il suo primo volo scrive il sonetto “Flying”. Lavora sulle prime versioni della sintesi delle coscienze.

1912 a

Viaggio a Roma e Parigi. Familiarità con Roden, il cui lavoro è pubblicato sulla rivista. Lettere da Alessandria. egli diventa un soldato nel mese di settembre. Scrive poesie sulla guerra balcanica iniziata il 5 ottobre. Poesia in memoria di Lorentzos Mavilis in Acropoli.

1913 a

Viene trasferito ad Atene all’inizio dell’anno e licenziato dall’esercito nel mese di novembre. Scrivere e pubblicare poesie ispirate alle guerre balcaniche, mentre scriveva una poesia sull’intronizzazione di re Konstantinos. Partecipa alla pubblicazione delle lettere in L. Mavilis (vol. 13-14) con la ripubblicazione, mentre in vol. 17 pubblica il “ritratto in Mavilis”. Nella stessa rivista (vol. 15-16), pubblica la continuazione del suo studio di Roden. Scrive “Pantarky”, una poesia che sarà poi inserita nell’unità delle poesie di Afrodite Urania.

1914 a

Pubblicazione di poesie nella nuova vita e lettere di Alessandria, tra gli altri parte della prefazione lirica della tragedia Plethonos.

1915 a

Scrittura della poesia Asklepios. Pubblicazione di poesie in Nea Zoi e lettere di Alessandria. Coscienza della mia terra, coscienza della mia razza (dalla prefazione alla vita).

1916 a

Coscienza della donna. La critica di Palamas dei primi due volumi della prefazione alla vita. Scrive la seconda parte di Asklepios in Osios Loukas di Viotia. Scrive il primo canto del poeta compositore madre di Dio. Pubblica la poesia “per il re” sull’Acropoli, sul lato dell’anti-Venizelists.

1917 a

Compone e pubblica il secondo canto della madre di Dio (rivista Logos), e lo stesso periodico sarà seguito dalla pubblicazione del primo e del terzo canto. Coscienza di fede.

1918 a

Pubblicazione del quarto dramma della madre di Dio (rivista Logos). In vol. 39 delle lettere pubblica gli “Afroditi Urani” e un nuovo studio per Roden. Il poema (= la Pasqua dei greci), una versione che è ma non viene rilasciata perché Sikelianos lo considera incompleto.

1919

La pubblicazione periodica della madre di Dio con il quinto canto è completata. Pubblica poesie nelle riviste Lyra e Neoi (compresi i pezzi della Pasqua dei greci).

1920 a

testi. Libro A, Atene: edizione giovanile. Questa è una selezione di poesie pubblicata dalla rivista The Young, che Sikelianos si è ritirata dalla circolazione. Partecipa al volume di dedizione di King ‘ s Return.

1922 a

Il memo aperto a sua Maestà è pubblicato al di fuori del commercio.

1924 a

D. Mitropoulos compone la musica per tre poesie di Sikelianos. Rimani a Delphi per lavorare sull’idea Delphic.

1925 a

Annuncia lo sforzo Delfico presso il Delphi Ancient Theater. Partecipa agli eventi per i cento anni dalla nascita del poeta Aristotelis Valaoritis, recita l'”ode” di Lefkada, che è anche pubblicata in una pubblicazione indipendente.

1927

Prime feste Delfici (9-10 maggio).

1929 a

Riconoscendo la coppia di Sikelianos, seguendo il suggerimento di Palamas. Istituzione del Comitato di festa Delfico.

1930

Seconde feste Delphic. Delfico Appeal (greco e francese), parte di una serie di pubblicazioni indipendenti sull’idea Delfico e celebrazioni nello stesso anno.

1931 a

L’idea Delfico. Primo discorso, discorso pronunciato a “Parnassos”. Istituzione della “Unione Delfico”. Pubblica un articolo contro l’antisemitismo in occasione dell’incendio doloso del quartiere Campbell di Salonicco.

1932 a

L’Unione Delfico. Un precedente. Il lavoro drammatico è pubblicato l’ultimo ditirambo orfano o il ditirambo della rosa.

1933 a

Si traduce in francese l’ultimo Dithyramb Orphic o il Dithyramb della rosa. Ci sono due spettacoli di questa tragedia sulla collina di Philopappou ad Atene. Un nuovo teatro all’aperto ad Atene. Un nuovo Théâtre en plein air à Athènes, una versione bilingue.

1934 a

Dopo molti sforzi di Sikelianos, la legge “sull’istituzione di un’organizzazione Delfico” è sottoposta alla camera dei rappresentanti.

1935 a

I testi di Sikelianos, prefazione-elezione dal suo lavoro: AGIS Theros, Atene: Pyrsos. Egli pubblica, tra gli altri, “Via Sacra” e “s. Osios Loukas il monastero” nella rivista The Nea Grammata. Scrive il prologo nella traduzione del lavoro di Valery Efpalinos o l’architetto, di Elli Lampridis.

1936

Partecipazione alle celebrazioni per il 50 ° anniversario del progetto di Palamas. Problemi di salute.

1937 a

Continua a pubblicare poesie (Nea Grammata, Nea Estia) e articoli (Neohellenika Grammata), tra cui una poesia per I. Sikoutris che si suicida a Akrokorinthos il 20 settembre. infarto.

1938 a

Egli pubblica ‘ Why I glorificato me ‘ nel neon Kratos. Conosce Anna (moglie di KARAMANIS).

1939 a

Premio letterario per tutto il suo lavoro. Si separa ufficialmente anche da Eva.

1940

Sposa Anna karamani. Completa la tragedia di Sibyla. Lettura pubblica di Sibyla il 2 novembre presso la casa delle arti e delle lettere. Nello stesso mese pubblicò il “89 di ottobre 1940” (Nea Estia) e un estratto dalla “prefazione” della vita lirica (“poesia e libertà” nelle lettere greche moderne).

1941 a

Pubblica una serie di poesie su riviste e, dopo l’occupazione di Atene, il saggio “la nostra attuale richiesta spirituale incentrata su greco”. È composto dalla resistenza e dal gruppo di artisti di EAM.

1942 a

Pubblica sul giornale illegale Eleftheria. Rimane per alcuni mesi, ospite di T. Kalmuchos, a Egina, dove Kazantzakis è con cui i loro rapporti sono stati ristabilite. Scrive la tragedia di Daedalus a Creta. L’Akritika (1941-1942) circolano in 100 copie numerate, manoscritti, firmati dal poeta con xilografie di SP. Vassiliou. Il “prefazione” censurato nella vita lirica in Nea Estia è pubblicato.

1943 a

Recita il poema “chiama le trombe” al funerale di Palamas. Il suo studio di Palamas è pubblicato. Adidoros, Daedalus è pubblicato a Creta. Presidente della società degli scrittori greci (-1945). Serie di movimenti vocali e di impulsi. La pubblicazione del poema “il suo messaggio” a dicembre sta causando reazioni.

1944 a

Emette un discorso alla radio due giorni dopo la liberazione di Atene, stampato e circolante lo stesso giorno (la prima libertà di liberazione unilaterale). Forte attività pubblica. Tratti. Racchiuso nella sua casa a causa degli incidenti chiamati Dekemvriana.

1945

La sua elezione all’Accademia è respinta. Continua a scrivere poesie e articoli aggiornati, completando la composizione della tragedia di Cristo a Roma. Testimone della difesa nel processo di G. Vougiouklakis per la traduzione in lingua Dimotiki di Kata Ioanni Evaggelion. Firma una dichiarazione di amnistia generale.

1946 a

Prima nomina per il premio Nobel (sarà trasformato in co-deputato con N. Kazantzakis). Cristo a Roma. I volumi A e B della Lyric Life sono pubblicati per alcuni mesi, mentre sono fatti discorsi sul suo lavoro. Il secondo mandato di Presidente dell’associazione degli scrittori greci [-1948].

1947 a

Pubblicazione del terzo volume: vita lirica, fiori nella collezione Domaine Grec (Parigi).

1948 a

La morte Digenis: è stampato dall’Istituto francese nel dicembre 1947 ed è pronto nel gennaio 1948, con la prefazione di Octave Merlier e xilografie di Spyros Vassiliou, ma non sarà rilasciato prima 1950, quando l’Istituto francese emette una versione centralizzata di opere drammatiche, sotto il titolo Thymelis.

1951 a

Secondo rifiuto della sua candidatura per l’Accademia. Muore il 19 giugno all’età di 67, lasciando l’ultimo processo della tragedia di Asklepios, tra gli altri incompleti.


Poesie